Samuele Cavadini Quartieri

da Opinione Liberale 6 aprile 2018

Mendrisio è un Comune moderno e un polo regionale riconosciuto, dovrà però consolidare la sua crescita migliorando quanto oggettivamente non funziona, in particolare nei quartieri.

II mio programma elettorale in dieci punti nella campagna per il sindacato a Mendrisio inizia dal capitolo dedicato ai quartieri. Un tema essenziale nel contesto di una realtà territoriale molto cambiata negli ultimi anni con la nascita della grande Mendrisio. Mendrisio si è infatti autodefinita Città, ma è l'insieme di antichi borghi dalla forte identità. Le comunità dei singoli quartieri hanno esigenze e problematiche quotidiane uniche e ben diverse le une dalle altre. Spetta all'autorità comunale adattarvisi, valorizzando le caratteristiche e peculiarità di ogni quartiere, migliorando sensibilmente la qualità di vita dei suoi abitanti. Vi sono quindi delle priorità da affrontare. Iniziando da più cura per il territorio Migliorando l'ordine urbano in tutti i Quartieri. Per questo, il primo passo da compiere è quello di ascoltare e rispondere concretamente alle segnalazioni del cittadino e delle Commissioni di Quartiere. Il secondo grande capitolo è invece quello dei progetti a medio termine. E il motto in questo senso è: La vostra opinione conta! Il mio obiettivo è quello di allestire sondaggi fra la popolazione dei quartieri su questioni mirate e puntuali per conoscere il parere della popolazione. Un secondo capitolo è invece "Incrementare i servizi offerti dallo sportello elettronico, dando alle cittadine e ai cittadini che lavorano o con necessità particolari, la possibilità di accedere digitalmente a tutti i servizi del Comune"

Samuele Cavadini

candidato sindaco di Mendrisio

 WWW.SAMUELECAVADINI.CH

 

il commento

Una comunità coesa con idee comuni e grande capacità di dialogo interno

Non è stato e non è facile sentirsi veramente parte integrante di una città venendo da una realtà comunale che, fino a pochi anni fa, era completamente autonoma. I primi tentativi di partecipazione non hanno sino ad ora portato ai risultati che egoisticamente ognuno di noi si attendeva. L'insoddisfazione negli ex Comuni aggregati è palese e non si intravvedono correttivi nell'attività davvero limitata delle Commissioni di Quartiere alle quali non sono concessi spazi per promuovere progetti di grande respiro. È indispensabile trovare una

vera capacità di dialogo fra autorità e Quartieri, fra Comune e cittadini, fra cittadino e cittadino. Questo è probabilmente l'aspetto centrale per la creazione di una comunità coesa attorno a idee comuni.

In quest'ottica, Samuele Cavadini dice bene quando presenta non solo obiettivi prioritari ma anche progetti a medio termine, con una visione concreta della necessità di sentirsi un'unica comunità. Serve potersi sentire partecipi, ascoltati, coinvolti proprio per valorizzare le singole comunità e migliorare la qualità di vita di ognuno. E se "la mia opinione conta" allora significa che insieme possiamo veramente costruire la nostra città.

Remo Vanini

Commissario di Quartiere Genestrerio